YOOtheme

Articolo pubblicato sulla rivista Strategie amministrative - Dicembre 2011

Nella PA locale ci sono esempi virtuosi di utilizzo delle tecnologie più recenti

Cloud Computing: innovazione e risparmio

di Davide Pasquini
Con il termine cloud computing si intende un insieme di tecnologie informatiche che permettono l’utilizzo di risorse hardware o software residenti in remoto e accessibile all’utente tramite rete internet. Per capirci, potremmo lavorare utilizzando i nostri terminali semplicemente con un browsere una connessione internet, accedendo di volta in volta agli applicativi che ci servono. Così non avrò più il programma di video scrittura o il foglio di calcolo elettronico installato sul mio pc, ma utilizzerò un programma online e, sempre online, potrò salvare il mio lavoro, che sarà quindi sempre raggiungibile da qualunque postazione con un collegamento internet. ma quali sono i vantaggi e i limiti di questa tecnologia? Per capirlo ci siamo rivolti a Giorgio Valtolina di Scube NewMedia, una azienda innovativa di Milano che ha fatto del Cloud Computing il proprio modello di business.
Dott. Valtolina perchè le aziende e le PA guardano al cloud computing? Innanzitutto per i risparmi che questo modello consente. Considerando
il livello di sviluppo di internet, non è più sostenibile che l’80% del budget IT sia destinato alla gestione e manutenzione dei sistemi esistenti, stornando tra l’altro risorse tecniche che potrebbero essere più tilmente dedicate allo sviluppo  di  progetti  innovativi e funzionali   alla  crescita  del  business o nel caso della PA, allo sviluppo di migliori servizi per il cittadino. Sta accadendo quello che è successo con l’elettricità all’inizio del secolo scorso: a un certo punto è diventato molto più conveniente utilizzare energia prodotta e distribuita da terzi piuttosto che produrla con una propria centrale elettrica, allo stesso modo sta diventando più semplice e conveniente utilizzare i sistemi web e le applicazioni IT erogati da soggetti specializzati sotto forma di servizio piuttosto che costruirsi ingenti e dispendiose infrastrutture e realizzare internamente applicazioni che hanno elevanti costi di implementazione e manutenzione.


Continua a leggere scaricando il pdf gratuito